Life skills, intelligenza emotiva e codici di comunicazione umana

Nella società attuale si assiste sempre più a un analfabetismo emozionale di ritorno. Passiamo molto tempo libero guardando la televisione o utilizzando videogiochi, computer e social network. Questa tendenza generalizzata, nel migliore dei casi, sviluppa dei cinque sensi solo vista e udito, che vengono per lo più utilizzati passivamente. Il tatto, il gusto e l’olfatto vengono invece dimenticati. Per non parlare della “sofisticata necrofilia” (cfr. Rolando Toro Araneda, psicologo) che si sviluppa attraverso la continua relazione con le macchine e non con le persone.

Per questo occorre una svolta pedagogica educativa che consenta di riacquisire l’uso di tutti i sensi, offrendo agli studenti esperienze emozionanti di connessione con se stessi, con gli altri e con il mondo vivo che li circonda.
Mai come oggi la Scuola ha il compito di essere una palestra in cui affinare, attraverso il supporto degli insegnanti, le competenze cognitive, emotive e relazionali necessarie per vivere adeguatamente tutti i passaggi del processo di sviluppo.

Queste competenze vengono definite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Life skills, ossia competenze vitali. Cioè tutte quelle competenze indispensabili per affrontare le numerose e variegate situazioni che si incontrano quotidianamente nella vita e che, quando le abbiamo acquisite, portano a un miglior adattamento esistenziale e a un maggior benessere psicofisico.

Il corso è rendicontabile con la CARTA DOCENTE (Legge n. 107/2015) e rientra nella FORMAZIONE OBBLIGATORIA DOCENTI (Direttiva n. 170 del 21.03.2016).

Per maggiori informazioni e per iscriversi al corso contattare i nostri uffici tramite il nostro indirizzo e-mail aae.formazione@gmail.com o tramite telefono e WhatsApp al 392 552 2293.