Agenda 2030: didattica e co-progettazione orientate al futuro

Sensibilizzare e formare le generazioni ai temi contenuti nell’Agenda 2030 significa introdurre le emergenze che questa rileva all’interno della formazione e dell’educazione del cittadino.

Per i professionisti del settore si tratta innanzitutto di chiedersi in che mondo vivranno i ragazzi e le ragazze che oggi entrano nel sistema formativo, e di quali competenze avranno bisogno per affrontarlo.

Il dibattito sulle modalità e sugli approcci educativi necessari in questo contesto pone l’accento sulla necessità di passare da un assetto per conoscenze e discipline separate a un approccio per competenze, necessarie a un singolo individuo al fine di contribuire in modo efficace allo sviluppo della Sostenibilità nel proprio tessuto sociale.

Riguardo al ruolo dell’Educazione nell’ambito del raggiungimento degli SDGs a livello nazionale, il Governo Italiano ne riconosce la centralità all’interno della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile: “L’Educazione rappresenta una delle dimensioni chiave per l’effettivo raggiungimento degli obiettivi della Strategia nazionale. La cultura della Sostenibilità, da promuovere a tutti i livelli (impresa, società civile, istituzioni, ricerca) e in tutte le sedi educative formali, non formali e informali, in un’ottica di Long-life learning, è il vettore principale per innescare la trasformazione del modello di sviluppo attuale, nonché la diffusione di conoscenze, competenze, stili di vita e modelli virtuosi di produzione e consumo sostenibili” (Strategia nazionale di Sviluppo Sostenibile, 2017).

Il corso è rendicontabile con la CARTA DOCENTE (Legge n. 107/2015) e rientra nella FORMAZIONE OBBLIGATORIA DOCENTI (Direttiva n. 170 del 21.03.2016).

Per maggiori informazioni e per iscriversi al corso contattare i nostri uffici tramite il nostro indirizzo e-mail aae.formazione@gmail.com o tramite telefono e WhatsApp al 392 552 2293.